La cultura del caffè: Italia vs. Svezia

🇬🇧

Dopo aver passato quasi un anno in Svezia, ho deciso di scrivere questo articolo sulla cultura del caffè, paragonando i due paesi da questo punto di vista.

Da aspirante traduttrice, spesso mi faccio domande su come tradurre alcuni concetti. Ed è qui che entra in gioco la bevanda più amata dagli italiani. Sembrerà quasi banale, ma il caffè ci dice molto sulle abitudini di un popolo e anche sul concetto stesso di tempo.

la cultura del caffè in Svezia

Dove beviamo il caffè?

La cultura del caffè in Italia è molto forte, non a caso i bar aprono prestissimo al mattino. È più raro, almeno oggi, il concetto di caffetteria. Per bar intendiamo un concetto completamente diverso rispetto allo svedese bar o barlokal. In Svezia, un barlokal indica ciò che noi intendiamo per pub o comunque un locale dove ci si reca di sera per bere alcolici. In Svezia per bere il caffè ci si reca nei cosiddetti kafé, che somigliano concettualmente più agli Starbucks, per intenderci.

Data questa premessa, possiamo osservare due comportamenti diversi tra gli amanti del caffè in Italia e in Svezia. L’italiano va al bar, paga alla cassa, ordina al bancone, beve un bicchiere d’acqua prima di bere l’espresso (questa pratica sembra essere più diffusa nelle regioni del Centro-Sud). Il tutto accade in piedi, nel giro di massimo 5 minuti. Quindi se chiedi a un italiano “ti va un caffè?”, questo è lo scenario tipico che ci si aspetta normalmente.

Se invece la stessa domanda viene rivolta a uno svedese, la situazione è leggermente diversa. Prima di tutto ci si dà appuntamento per X giorno a tot ora. Poi si va, spesso e volentieri, da Espresso House (l’equivalente scandinavo di Starbucks, anche se quest’ultimo è una catena indipendente in Scandinavia). Appena si entra, si ordina un caffè al bancone, ti viene preparato un caffè lungo (quello che noi italiani comunemente chiamiamo caffè americano o, come dice mio padre, acqua sporca ndr). Si paga, ci si siede al tavolo e si chiacchiera per una mezz’oretta o più, anche dopo aver finito il beverone, ehm, il caffè. Gli svedesi di solito ordinano anche qualcosa da mangiare per accompagnare il caffè, generalmente un dolce come i kanelbullar o i kardemummabullar (delle girelle alla cannella o al cardamomo).

la cultura del caffè in Italia

Qualcuno ha detto FIKA?

Avete letto bene ma non è quel che credete. Gli svedesi non prendono il caffè, gli svedesi fanno una fika. La parola fika non è altro che l’inversione delle sillabe di un termine in slang, ossia kaffi (caffè nel XIX secolo). Non è raro per gli svedesi fare una fikapaus (pausa fika) alle 10:00 o alle 15:00 e ne sono talmente ossessionati da aver meritato il sesto posto nella classifica di chi consuma più caffè, appena dopo Finlandia, Norvegia, Islanda, Danimarca e Paesi Bassi.

Secondo voi la cultura del caffè ci dice molto sullo stile di vita delle varie popolazioni?

Se vi è piaciuto l’articolo condividetelo o salvatelo 🙂

Leave a Reply